www.rolandofustos.it | ACUFENI: TRATTAMENTI COMPLEMENTARI
1089
single,single-post,postid-1089,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.2.3,paspartu_enabled,menu-animation-underline,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

ACUFENI: TRATTAMENTI COMPLEMENTARI

How-to-stop-ringing-in-ears-home-remedies-tinnitus-treatment-and-permanent-relief

ACUFENI: TRATTAMENTI COMPLEMENTARI

Qual è il ruolo della medicina complementare nella gestione dell’acufene?

Oggi, si può spaziare tra un gran numero di farmaci, integratori e terapie alternative che aiutano a far stare meglio le persone colpite. I sistemi più popolari sono: terapia respiratoria, training autogeno, biofeedback, cromoterapia, esercizio fisico, bodybuilding, idroterapia, meditazione, t’ai-chi, yoga e altri.

I trattamenti alternativi per l’acufene sono:

Agopuntura: esistono studi che mostrano che l’agopuntura non risolve il rumore dell’orecchio cronico, ma che i sintomi di accompagnamento, come l’insonnia, difficoltà di concentrazione e altri, sono influenzati positivamente e che il suono può essere alleviato. L’applicazione degli aghi ha significato nel rumore dell’orecchio cronico.

Medicina Aiurvedica: informarsi esattamente riguardo l’esperienza del medico supervisore e, soprattutto, fare riferimento ai consigli di diagnostica ayurvedica.

La  terapia con fiori di Bach: questa terapia è completamente priva di effetti collaterali, ma anche di effetti clinici dimostrabili. Un risultato positivo nel trattamento dell’acufene cronico è probabilmente dovuto all’effetto placebo e all’influenza carismatica del terapeuta.

Elettroterapia dell’orecchio: attualmente non esiste una certezza del beneficio terapeutico e quindi si dovrebbe essere molto scettici su questa procedura.

Riflessologia: il trattamento è indolore, innocuo e piacevole e può essere utile come misura complementare.

Omeopatia: l’omeopatia potrebbe essere un aiuto nel trattamento dei disturbi concomitanti del tinnito cronico. Il trattamento omeopatico come unica terapia per la risoluzione dell’acufene, tuttavia, deve essere considerato inefficace.

A seconda della complessità e dei sintomi associati, non dovrebbero essere trascurate altre misure terapeutiche come la consulenza psicologica, le terapie mediche e il retraining.

Ipnoterapia: l’ipnosi può far sì che i pazienti non sentano più i loro rumori dell’orecchio così fastidiosi. Ad esempio, il rumore dell’orecchio può essere collegato dall’ipnosi con idee piacevoli. Il rilassamento (piuttosto aspecifico) associato all’ipnosi libera dalle paure. Attraverso un’applicazione responsabile, il paziente ottiene il controllo sugli attributi negativi dell’acufene e quindi sulla libertà nella gestione di pensieri e misure positive. Come ausilio, nel contesto di un trattamento a 360 gradi, questo metodo può essere suggerito.

Kinesiologia: non può essere considerata come unica terapia. Viene usato – anche diagnosticamente – da terapeuti esperti come “strumento” nel contesto di un trattamento olistico.

Musicoterapia: nelle mani di riabilitatori esperti, la musicoterapia è altamente raccomandata, non solo nell’acufene. Magnetoterapia: ad oggi studi scientifici sul funzionamento e l’efficacia della terapia non sono ancora disponibili.

Terapia neurale: c’è chi sostiene che possa avere una certa efficacia se è applicata già nella fase acuta dell’acufene.

Osteopatia e chiropratica: l’osteopatia e la chiropratica possono ottenere risultati sorprendenti nel trattamento nei casi acuti in singoli casi. Anche un acufene cronico può essere alleviato dall’osteopatia, in parte dalla chiropratica, in molti casi. Ciò è anche favorito principalmente dall’intenso contatto tra terapeuta e paziente.

Perché sotto stress l’acufene aumenta?

Lo stress è una componente naturale delle nostre vite, è qualcosa che tutti abbiamo vissuto e che dobbiamo sperimentare proprio come sentiamo la tristezza o la felicità – a volte abbiamo bisogno di sperimentare la tristezza per sapere cosa significa felicità! Cosa può allora fare il paziente con acufeni per combattere lo stress: soprattutto camminare, parlare e mangiare più tranquillamente. Lasciare l’orologio a casa. Guidare l’auto in modo consapevole e più lento. Ascoltare attentamente la musica. Raccogliere o trascrivere vecchi ricordi positivi. Visitare un buon amico. Sorridere di più. Essere più consapevole di più amichevole con le persone che incontriamo. Mantenere il controllo in circostanze fastidiose. Esprimere al proprio partner e ai figli i propri sentimenti. Ritirarsi in determinati momenti. Visitare un museo o una galleria d’arte. Identificare le cattive abitudini ed eliminarle. Offrire un piccolo regalo a qualcuno che ti sta caro.

Esiste una dieta per gli acufeni?

Non esiste una dieta specifica per l’acufene che possa eliminare il rumore dell’orecchio! Tuttavia, una sensazione corporea sana e corretta contribuisce in modo determinante a sviluppare un atteggiamento positivo nei confronti della vita e quindi a far fronte a un acufene cronico. Anche per questo fastidioso disturbo è in ogni modo importante è che i cosiddetti “veleni del piacere”, cioè l’alcol, la caffeina e la nicotina siano evitati in modo assoluto!