www.rolandofustos.it | Blog del Dr. Rolondo Füstös otorino
blog, news, blogger, otorinolaringoiatria news
707
page,page-id-707,page-template,page-template-blog-large-image-whole-post,page-template-blog-large-image-whole-post-php,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.2.3,paspartu_enabled,menu-animation-underline,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Blog

How-to-stop-ringing-in-ears-home-remedies-tinnitus-treatment-and-permanent-relief

ACUFENI: TRATTAMENTI COMPLEMENTARI

Qual è il ruolo della medicina complementare nella gestione dell’acufene?

Oggi, si può spaziare tra un gran numero di farmaci, integratori e terapie alternative che aiutano a far stare meglio le persone colpite. I sistemi più popolari sono: terapia respiratoria, training autogeno, biofeedback, cromoterapia, esercizio fisico, bodybuilding, idroterapia, meditazione, t’ai-chi, yoga e altri.

I trattamenti alternativi per l’acufene sono:

Agopuntura: esistono studi che mostrano che l’agopuntura non risolve il rumore dell’orecchio cronico, ma che i sintomi di accompagnamento, come l’insonnia, difficoltà di concentrazione e altri, sono influenzati positivamente e che il suono può essere alleviato. L’applicazione degli aghi ha significato nel rumore dell’orecchio cronico.

Medicina Aiurvedica: informarsi esattamente riguardo l’esperienza del medico supervisore e, soprattutto, fare riferimento ai consigli di diagnostica ayurvedica.

La  terapia con fiori di Bach: questa terapia è completamente priva di effetti collaterali, ma anche di effetti clinici dimostrabili. Un risultato positivo nel trattamento dell’acufene cronico è probabilmente dovuto all’effetto placebo e all’influenza carismatica del terapeuta.

Elettroterapia dell’orecchio: attualmente non esiste una certezza del beneficio terapeutico e quindi si dovrebbe essere molto scettici su questa procedura.

Riflessologia: il trattamento è indolore, innocuo e piacevole e può essere utile come misura complementare.

Omeopatia: l’omeopatia potrebbe essere un aiuto nel trattamento dei disturbi concomitanti del tinnito cronico. Il trattamento omeopatico come unica terapia per la risoluzione dell’acufene, tuttavia, deve essere considerato inefficace.

A seconda della complessità e dei sintomi associati, non dovrebbero essere trascurate altre misure terapeutiche come la consulenza psicologica, le terapie mediche e il retraining.

Ipnoterapia: l’ipnosi può far sì che i pazienti non sentano più i loro rumori dell’orecchio così fastidiosi. Ad esempio, il rumore dell’orecchio può essere collegato dall’ipnosi con idee piacevoli. Il rilassamento (piuttosto aspecifico) associato all’ipnosi libera dalle paure. Attraverso un’applicazione responsabile, il paziente ottiene il controllo sugli attributi negativi dell’acufene e quindi sulla libertà nella gestione di pensieri e misure positive. Come ausilio, nel contesto di un trattamento a 360 gradi, questo metodo può essere suggerito.

Kinesiologia: non può essere considerata come unica terapia. Viene usato – anche diagnosticamente – da terapeuti esperti come “strumento” nel contesto di un trattamento olistico.

Musicoterapia: nelle mani di riabilitatori esperti, la musicoterapia è altamente raccomandata, non solo nell’acufene. Magnetoterapia: ad oggi studi scientifici sul funzionamento e l’efficacia della terapia non sono ancora disponibili.

Terapia neurale: c’è chi sostiene che possa avere una certa efficacia se è applicata già nella fase acuta dell’acufene.

Osteopatia e chiropratica: l’osteopatia e la chiropratica possono ottenere risultati sorprendenti nel trattamento nei casi acuti in singoli casi. Anche un acufene cronico può essere alleviato dall’osteopatia, in parte dalla chiropratica, in molti casi. Ciò è anche favorito principalmente dall’intenso contatto tra terapeuta e paziente.

Perché sotto stress l’acufene aumenta?

Lo stress è una componente naturale delle nostre vite, è qualcosa che tutti abbiamo vissuto e che dobbiamo sperimentare proprio come sentiamo la tristezza o la felicità – a volte abbiamo bisogno di sperimentare la tristezza per sapere cosa significa felicità! Cosa può allora fare il paziente con acufeni per combattere lo stress: soprattutto camminare, parlare e mangiare più tranquillamente. Lasciare l’orologio a casa. Guidare l’auto in modo consapevole e più lento. Ascoltare attentamente la musica. Raccogliere o trascrivere vecchi ricordi positivi. Visitare un buon amico. Sorridere di più. Essere più consapevole di più amichevole con le persone che incontriamo. Mantenere il controllo in circostanze fastidiose. Esprimere al proprio partner e ai figli i propri sentimenti. Ritirarsi in determinati momenti. Visitare un museo o una galleria d’arte. Identificare le cattive abitudini ed eliminarle. Offrire un piccolo regalo a qualcuno che ti sta caro.

Esiste una dieta per gli acufeni?

Non esiste una dieta specifica per l’acufene che possa eliminare il rumore dell’orecchio! Tuttavia, una sensazione corporea sana e corretta contribuisce in modo determinante a sviluppare un atteggiamento positivo nei confronti della vita e quindi a far fronte a un acufene cronico. Anche per questo fastidioso disturbo è in ogni modo importante è che i cosiddetti “veleni del piacere”, cioè l’alcol, la caffeina e la nicotina siano evitati in modo assoluto!

0
fuestos rolando dr, otorinolaringoiatra, otrinolaringoiatria,acufene, adenoidi, aktives Knochenleitungsimplantat, aktives Mittelohrimplantat, Ambulatorio di otorinolaringoiatria a Bolzano, Audiometria tonale, Audiometria vocale, chronisch entzündeten Ohren, cisti, Cochlea Implantat, edema di Reinke, Emissioni otoacustiche, Esostosi e stenosi, fuestos rolando dr, granuloma colesterinico, granulomi, hals-nasen-, hals-nasen-Ohren, hals-nasen-Ohrenheilkunde, Hörsturz, Impianto cocleare, impianto conduzione ossea, Mastoidektomie, nistagmo spontaneo, noduli vocali, Ohrspezialisten, Otite colesteatomatosa, otorinolaringoiatra, otrinolaringoiatria, papillomi, Paukenröhrchen, polipi, primario otorinolaringoiatria, Steigbügelplastik, Timpanometria, Tinnitus, Trommefellverschluss, Tympanoplastik, vertigini

ACUFENI : cause e rimedi

I disturbi della circolazione possono causare acufeni?
La perfusione dell’orecchio interno con la coclea è regolata nel nostro corpo in modo molto preciso ed è largamente indipendente dall’influenza della pressione sanguigna. Gli esperti ora sono sicuri che si tratti solo in casi particolari di disturbi circolatori puri. L’assunzione di compresse che promuovono la circolazione è quindi considerata oggi spesso priva di significato. Nel caso di un vero disturbo circolatorio, è probabile che solo una terapia sia in grado di fornire ossigeno nutriente all’orecchio interno: l’ossigenoterapia iperbarica.
Ci sono radiografie per spiegarci l’origine del nostro acufene?
Se vi è il sospetto di un acufene di origine organica dall’esame clinico, vengono utilizzate tecniche di imaging molto specifiche che possono rappresentare direttamente o indirettamente le strutture delle vie uditive centrali. Imaging si avvale innanzitutto della risonanza magnetica (RM). Usando questo studio, che non espone il paziente ai raggi X, ma si basa sulla misurazione dei campi magnetici, è ora possibile visualizzare i tessuti sia nel cervello ma anche nel resto del corpo in modo molto preciso, fino a una risoluzione di meno di 1-2 mm. Questo studio è eccellente per rilevare anche piccoli neurinomi acustici che possono crescere nel condotto uditivo interno. Gli ultrasuoni possono essere indicati  specialmente in caso di rumori  sincroni con il polso, quando è necessario ricercare le ostruzioni nel flusso. A tale scopo, l’ecodoppler é l’ideale per la prima diagnosi. L’angiografia può essere un approfondimento utilissimo in tutti i casi in cui la prova di una alterazione nel flusso sanguigno viene rilevata durante l’ecografia, il sistema vascolare deve essere visualizzato utilizzando una radiografia dei vasi sanguigni, un’angiografia che può mostrarci ciascun singolo rametto del flusso sanguigno. In questo studio, un catetere viene inserito in un grande vaso sanguigno e vengono iniettati mezzi di contrasto. Una rappresentazione molto precisa del nostro albero vascolare può essere però ottenuta anche senza l’uso di cateteri, mediante uno speciale esame di risonanza magnetica, la cosiddetta angio-MRT.
Quali sono farmaci abbiamo a disposizione per il trattamento dell’acufene?
La pillola, che semplicemente “spegne”un rumore dell’orecchio, non è stata ancora inventata. Molti farmaci sono efficaci soprattutto in speciali forme di tinnito, ma non influenzano la sua origine o le sue cause. Sono in corso molte ricerche e alcune metodiche si sono rivelate incoraggianti. Sulla base dell’ipotesi che i disturbi circolatori siano tra le cause principali nello sviluppo degli acufeni, i medicinali che favoriscono la circolazione sono usati principalmente nel trattamento acuto. Sempre più frequentemente però questo meccanismo è messo in discussione. I farmaci usati qui sono in parte vasodilatatori, in parte quelli che migliorano le proprietà del flusso del sangue. Per ottenere un effetto rapido e intenso, le sostanze sono somministrate in forma di infusioni. Con l’acufene cronico, una tale terapia con lo scopo di migliorare la circolazione non ha più senso. Sono quindi utilizzati farmaci che possono intervenire nei processi di trasmissione dell’udito nell’orecchio interno e nel cervello. Una valutazione dello specialista può contribuire in modo determinante alla guarigione dell’acufene.
Che cosa consigliano i medici?
A tutti i pazienti diciamo: “anche se trovassi il silenzio assoluto, il tuo rumore dell’orecchio sarebbe sempre presente e ti sembrerebbe addirittura più forte”. Distraiti per evitare la cronicizzazione! Goditi la giornata! Non spegnere i  dispositivi che producono suoni! Metti una sveglia sul tuo comodino o una fontanella con un flusso di acqua nella camera da letto. Evita il silenzio! Ascolta tranquillamente la musica di sottofondo durante il giorno e prima di addormentarti. Ascolta i suoni della natura, come il canto degli uccelli o il fruscio delle foglie. Non ascoltare te stesso se l’acufene è ancora lì! Esegui il diario degli acufeni (soprattutto all’inizio della malattia può essere utile). Divertiti: visita gli amici. Vai al cinema o un concerto. Regalati un weekend di benessere.
Qual è la terapia nella fase acuta?
Talvolta può essere necessario un trattamento in regime di ricovero, specialmente quando è presente un disturbo dell’orecchio interno e già questo prevede flebo per diverse ore al giorno (da 3 a 6 ore). Soprattutto in certi casi si rende necessario un attento monitoraggio ospedaliero (ad esempio in caso di diabete).
Qual è il trattamento dell’acufene cronico?
Il medico deve sempre porre le seguenti domande specifiche: Quanto ti dà fastidio l’acufene? Ce la fai a conviverci? Nonostante il paziente, ovviamente, voglia eliminare il rumore dell’orecchio, deve chiedersi quale significato abbia acquisito il tinnito nella sua vita e, soprattutto, se e in che modo il rumore dell’orecchio influisce sulla sua vita sociale, sulla sua felicità e sul suo lavoro. In molti casi, a questa domanda il soggetto risponde che è sopportabile. Molti sopportano il loro acufene tanto da non venirne più minimamente disturbati. Se il paziente però soffre  particolarmente e la qualità della vita è influenzata negativamente, si rendono necessarie ulteriori misure. In linea di principio, l’intervento deve coprire le seguenti aree: psicologia, stile di vita, sport, nutrizione, sonno, igiene, terapia di rilassamento (in particolare per la gestione dello stress). Le linee guida sugli acufeni propongono le seguenti opzioni di trattamento: nessuna terapia nella maggior parte dei malati che hanno ricevuto sufficienti informazioni e suggerimenti attraverso la consulenza sull’acufene e una eventuale consulenza psicologica, essi saranno in grado di affrontare il loro disturbo senza usare farmaci. Potrà poi essere introdotta una integrazione con terapia farmacologica nel caso di una diagnosi medica, l’indicazione di apparecchi acustici e / o mascheratore del tinnito, una psicoterapia (nel caso di. ansia o depressione) o tinnitus retraining therapy eventualmente combinato con farmaci psicotropi.

0
Tinnitus-Cures

ACUFENI: perché

Le nostre orecchie sono attive 24 ore al giorno. Nei giorni nostri il silenzio assoluto ci appare addirittura anormale L’orecchio è il primo organo sensoriale pienamente sviluppato e funzionante già nel grembo materno ed è l’ultimo a spegnersi con la morte! Se nel corso della nostra vita non usiamo il nostro sistema uditivo con parsimonia, l’udito svanirà come la carica di una batteria. I sovraccarichi acustici si accumulano nell’orecchio per tutta la durata della vita.

 

Perché compare lacufene?

I rumori molesti, fischi, fruscii che percepiamo nel silenzio sono causati da una moltitudine di possibili situazioni e patologie.

In una grande maggioranza dei casi si tratta di un danno alle cellule ciliate. Queste ciglia sono, per così dire le antenne delle cellule del senso dell’udito. Esse si trovano nell’orecchio interno, dove abbiamo oltre 1 000 000 di parti meccaniche in movimento! Il danno alle cellule ciliate è frequentemente causato dal rumore. Il rumore cronico, ma anche quello acuto derivante ad esempio da esplosioni, portano a danni diretti di queste parti meccaniche. Un traumatismo acustico è una delle cause più comuni di rumori acuti o cronici dell’orecchio.

Disturbi nell’area dei canali ionici. Un alterato afflusso di sodio o di potassio nella cellula ciliata può portare a una reazione anomala e quindi alla produzione di rumori da parte dell’orecchio. Perché si può arrivare a un disturbo di questi canali, non è ancora sufficientemente chiarito. Una causa, tuttavia, sono le intossicazioni dell’orecchio interno, dovute talvolta da alcuni farmaci, tra cui anche l’aspirina in dosi elevate.

Danni alle pompe ioniche. Le piccole pompe sul lato delle cellule ciliate sono anche sensibili alle tossine cellulari. Queste includono alcuni farmaci, ma anche molto probabilmente dai cosiddetti “veleni del piacere”come la nicotina. Un disturbo della motilitàdi queste cellule. La corretta contrazione della cellula se investita da uno stimolo sonoro è cruciale per il nostro udito. Il meccanismo motorio della cellula pilifera non solo migliora la percezione del suono, ma consente anche a ciascuna delle 48.000 cellule ciliate di trasmettere il proprio segnale al cervello. Questo meccanismo rende possibile per noi riconoscere certi segnali in mezzo ad una giungla di suoni che ci circonda. Nella sala da concerto, questa capacità ci consente di distinguere i singoli strumenti.

Disturbi della trasmissione del segnale al nervo uditivo (sinapsi). La ricerca dei disturbi patologici nell’ambito della trasmissione sinaptica, non solo sull’orecchio interno, ma anche nel cervello, è attualmente in pieno svolgimento.

 

 

 

 

 

0
como-desentupir-o-nariz_24032_l

Come vanno somministrate le soluzioni saline nasali ai bambini?

Sovente mi accorgo che la maggior parte dei medici prescrive soluzioni saline nasali, ma non si sofferma a sufficienza nella spiegazione delle modalità di somministrazione. Vanno quindi chiarite le modalità corrette per somministrare gocce saline nasali soprattutto a neonati, bambini piccoli e bambini più grandi.

Quando i bambini soffrono di raffreddore, influenza o allergie, le gocce nasali sono uno strumento efficace per alleviare la congestione. Sono composti principalmente da una soluzione salina, che provoca la contrazione dei vasi sanguigni nel naso  (decongestioni) e la diluizione del muco (mucolisi) e riduce il gonfiore della mucosa che riveste i seni paranasali che si stanno sviluppando proprio in questo periodo della vita. Alcune gocce nasali possono contenere anche  altri principi attivi, come steroidi, disinfettanti, vasocostrittori e molte altre sostanze attive sulle mucose con cui vengono a contatto. Presupposto fondamentale, però è che vengano utilizzate secondo modalità molto precise, che sovente il medico non specifica adeguatamente.

Nel caso di un lattante, ci si deve lavare le mani con acqua e sapone. Va verificato il dosaggio appropriato del contagocce nasale. Il bambino va cullato sul braccio sinistro. Se il naso del bambino è completamente bloccato dalla congestione, si può utilizzare una peretta di aspirazione nasale per rimuovere il muco che ostruisce il nasino. Il contagocce va posizionato appena oltre l’apertura del naso del bambino. Si spreme delicatamente il bulbo del contagocce fino a somministrare il dosaggio richiesto.

Il piccolo va poi tenuto nella stessa posizione per cinque minuti per consentire alle gocce di fluire all’interno del naso. Se il bambino inizia a tossire, va mantenuto in una posizione più eretta. E’ consigliabile al termine di risciacquare peretta e boccetta con acqua tiepida.

Con i bambini più grandi la chiave del successo è la cooperazione. Premiare il bambino quando collabora può essere determinante per rendere questa esperienza meno spiacevole per tutti. Gli va proposto di soffiare bene il nasino e coricarsi. Andrà avvisato che sentirà le gocce in gola e che non si deve spaventare, ma rimanere supino per cinque minuti. Può naturalmente alzarsi in caso di tosse, ma resistere alla tentazione di soffiare nuovamente il naso per qualche minuto.

La prima volta soprattutto è fondamentale che tutto si svolga tranquillamente, e le somministrazioni successive sarà molto meno traumatizzanti.

Gli effetti collaterali possibili possono includere: naso che cola, starnuti, bruciore, o secchezza nasale.

L’attenzione ad una igiene corretta aiuta a prevenire  questi effetti collaterali: lavare e asciugare sempre il contagocce ogni volta che viene usato il farmaco e non condividere mai contagocce nasali tra i bambini evita la diffusione di infezioni.

1
Hearing-Loss-Caused-by-Loud-Music-1024x682

troppo rumore!

Tutti noi siamo disturbati quando ci troviamo in presenza di un rumore troppo forte. Ma le persone con perdita uditiva anche lieve, hanno orecchie particolarmente sensibili e non possono tollerare livelli anche normali di rumore. L’udito ipersensibile (iperacusia) è più comunemente associato a una perdita dell’udito. Molti di noi hanno sperimentato il modo in cui le persone anziane ti chiedono di parlare, ma poi, dopo un po’ dicono: “non gridare! Non sono mica sordo”.  Questo fenomeno è tipicamente un problema per le persone che soffrono di sordità neurosensoriale, mentre non disturba le persone che soffrono di ipoacusia trasmissiva. Man mano che invecchiamo, il numero di cellule ciliate e fibre nervose responsabili della percezione di suoni nell’orecchio interno si riduce. Anche la capacità di valutare diverse intensità del suono è compromessa. Per compensare ciò, vengono reclutate e attivate tutte le fibre nervose superstiti per ottenere un volume quasi massimo. Di conseguenza, anche suoni abbastanza moderati possono sembrare insopportabilmente rumorosi. 

La gamma dinamica é la possibilità di sentire dai sussurri fino ai rumori assordanti degli aerei con escursioni di 140 decibel e oltre. Per avere un’idea di quello che é la dinamica del nostro orecchio, in un ipotetico confronto tra i suoni che percepiamo e la capacità visiva, se l’occhio avesse la stessa dinamica saremmo in grado di leggere un quotidiano a distanza di 50 metri. Con il passare degli anni si riduce sia la capacità visiva, quanto quella uditiva, ma non in maniera lineare, si riduce la acutezza visiva per vicino e quella uditiva per i suoni piú acuti.

Nell’anziano e nella maggior parte degli ipoacusici percettivi, la gamma dinamica viene compressa: la differenza tra il suono piú lieve che percepiamo e quello piú forte é minima. Quando una persona soffre di perdita dell’udito e deve usare gli apparecchi acustici, questi non devono sovraccaricare l’orecchio con un suono troppo amplificato. I recenti apparecchi acustici hanno un “picco di taglio” che deve attenuare i suoni che, se troppo forti, disturberebbero ulteriormente il nostro udito. Si tratta in particolare di un controllo automatico del volume entro limiti ben stabiliti e variabili per ogni particolare situazione in cui il soggetto si viene a trovare.

Recenti ricerche hanno dimostrato che in molti casi l’uso del rumore, applicato all’orecchio da un generatore di rumore bianco, può aiutare. Per questo motivo alcune protesi di ultima generazione sono predisposte per produrre suoni o rumori anche nel silenzio. Proprio questi apparecchi risultano particolarmente utili nei pazienti con acufeni disturbanti. 

1
kate-11

IL NASO DI KATE

C’è quello a sella, a patata, alla francese, aquilino, greco, insomma almeno 40 sono i principali tipi di naso più comuni. Riconosciamo razze umane diverse dalla forma del loro naso, perché questa protuberanza si dimostra piuttosto costante e caratteristica nelle diverse etnie. Il perché di tale diversità é molto dibattuto e va ricercato nelle diverse linee evoluzionistiche della specie umana. La principale funzione del naso e delle cavità nasali é quella di “condizionatore” per l’aria che respiriamo, in maniera che questa raggiunga le vie respiratorie inferiori nelle condizioni ideali per lo scambio dell’ossigeno con il sangue. Questo suggerisce che le diverse lunghezze e forme della piramide nasale siano il risultato dell’adattamento a diversi tipi di esigenze climatiche. Un gruppo di scienziati in Illinois ha confrontato la larghezza delle narici e la misura delle “ali” nasali, con la distribuzione delle temperature, della umidità relativa ed assoluta. Le razze originarie di luoghi con climi freddi e secchi presentano per lo più cavità nasali più strette rispetto a coloro che originano da zone con climi caldo-umidi.

Arslan A. Zaidi della università di Pennsylvania sostiene peraltro che questo sia solamente una spiegazione semplificata di un processo evoluzionistico molto più complesso, che probabilmente vede in gioco altri elementi tutt’altro che secondari come ad esempio la selezione sessuale.

Il naso perfetto? Quello di Kate Middleton, la duchessa di Cambridge con il suo angolo di 106 gradi presenta proporzioni perfette. Non solo quindi Kate ha il guardaroba più ambito, i capelli e i denti che fanno invidia, ambitissimi occhi verdi, ma è anche la titolare del naso più desiderabile in Gran Bretagna. Non a caso il numero di donne che chiedono ai chirurghi estetici di rendere il proprio naso più simile a quello di Kate è triplicato dal 2011.  La psicologa Carmen Lefevre, specializzata nello studio delle caratteristiche del volto, sostiene: “La simmetria del naso di Kate, l’angolo tra il labbro e la punta del naso e la quantità minima di narice in mostra, sono tutti quasi perfetti”.

0
WatchPAT200U

Quand’è l’ultima volta che hai dormito bene?

Che cos’e` l’apnea ostruttiva del sonno (OSAS)? Come viene diagnosticata l’apnea del sonno?

La sindrome delle apnee ostruttive del sonno (OSAS – Obstructive Sleep Apnea Syndrome) è un disturbo comune che si manifesta con temporanee interruzioni della respirazione durante il sonno. Si verifica quando i muscoli della gola non riescono a mantenere aperte le vie aeree e ne causano l’ostruzione. Le pause della respirazione possono durare da pochi secondi ad oltre un minuto e possono manifestarsi fino a 30 e più volte in un’ora. La gravità dell’apnea ostruttiva si calcola sulla base del numero di episodi di apnea per ora di sonno. Il nostro cervello, per risposta, ci sveglia per un brevissimo momento consentendoci di respirare di nuovo. Questi eventi ripetuti di apnea impediscono di fatto di raggiungere o mantenere gli stadi più profondi del sonno, causando un elevato livello di stress all’organismo e la temibile sonnolenza diurna.

La mancanza di sonno può determinare molti effetti, apparentemente estranei al bisogno di dormire ma in realtà strettamente legati ad un sonno qualitativamente e quantitativamente non adeguato: aumento di peso, mal di testa, disturbi della memoria, sbalzi d’umore e calo della libido. Inoltre, è ormai riconosciuto che la mancanza di sonno determina rendimenti inferiori alle aspettative e la eccessiva sonnolenza che ne deriva aumenta sensibilmente il rischio di incidenti alla guida o sul lavoro.  Le apnee non trattate possono aumentare il rischio di pressione alta, di infarto, di ictus, di obesità e di diabete. Inoltre possono aggravare l’insufficienza cardiaca ed aumentare la probabilità di aritmie (battiti cardiaci irregolari).

La polisonnografia ambulatoriale ha rappresentato finora l’unica opzione possibile per accertare l’esistenza di apnee del sonno e spesso richiede il ricovero per una o più notti. Inoltre, un test del sonno ambulatoriale può essere costoso e divenire stressante per il paziente, sia per la complessità dell’esame che per l’ambiente non familiare in cui si esegue.

 

WatchPAT, invece, può essere utilizzato nel comfort della propria casa, consentendo di preservare il più possibile le condizioni abituali di sonno e permette di ottenere agevolmente dati rilevanti sia sul sonno che sul respiro notturno. Lo specialista, sulla base di diversi parametri e considerazioni tra cui i risultati del test del sonno, potrà identificare il trattamento più idoneo al tuo caso. Le OSAS possono essere oggi trattate con successo, con diverse metodiche che vanno dalle modifiche allo stile di vita, agli apparecchi orali (Oral Devices o MAD), ai dispositivi per la respirazione (CPAP), fino all’intervento chirurgico. Questi trattamenti aiutano il paziente a ripristinare una respirazione normale durante il sonno, riducendo gli stress per la salute e migliorando la qualità della vita.

0
junge-frau-schnaeutzt-nase

Naso che cola? Non sempre si tratta di raffreddore

Il cosiddetto “naso dello sciatore”, cioè il naso che cola quando ci si espone al freddo, deriva da un meccanismo di difesa delle prime vie aeree. Una breve pedalata in bicicletta, un colpo di aria fredda ed ecco il naso inizia a gocciolare un liquido trasparente, acquoso. Non va interpretato come muco o catarro, si tratta per lo più di una breve, innocente  rinite indotta dal freddo. L’aria fredda e secca che ci entra nelle narici, stimola i nervi sulle pareti laterali del naso  e questi inviano l’informazione al nostro cervello, che  reagisce aumentando il flusso di sangue nel naso. I vasi sanguigni si dilatano proprio allo scopo di rendere molto più calda la zona. Il naso si ricopre al suo interno di muco liquido in modo da trasferire umidità all’aria che entra e lo attraversa.  In un giorno di freddo noi possiamo produrre quasi mezzo litro di liquido sulle pareti del nostro naso per assicurare questa funzione. Per ottenere questo  effetto la mucosa del naso si mantiene comunque più fredda del resto del corpo, anche perché deve fare evaporare il muco per umidificare l’aria in entrata. L’aria secca é tra l’altro in grado di attivare le cellule del sistema immunitario.

La perdita di acqua dalle narici è però anche legata alla reazione di condensa al passaggio di aria fredda.  Anche il vapore che risulta da questo processo si aggiunge al muco prodotto, e fuoriesce in maniera incontrollata dalle narici.

Quello che definiamo più propriamente raffreddore é invece una infezione delle cavità nasali. È infatti necessaria la presenza di un virus che “sregoli” questo sofisticato sistema di riscaldamento, depurazione, umidificazione che il nostro naso ci assicura.

Ad ogni modo i metodi per ridurre il gocciolamento sono molteplici: l‘olio di eucalipto ad esempio, ha un effetto decongestionante sulle mucose nasali soprattutto se irritate e può naturalmente arrestare il naso che cola. Possono essere utilissime le inalazioni caldo umide come i classici suffumigi uniti a questa sostanza balsamica. Qualche goccia di eucaliptolo su un fazzoletto,  puó costituire un rimedio comodamente disponibile anche in viaggio. In alternativa, soprattutto nei bambini, vale la pena di diluire l’olio di eucalipto con un po’ di olio di oliva e applicarlo sotto il naso sul labbro superiore.

Anche basilico e timo sono rimedi casalinghi con accertata attività  antibatterica e antivirale che aiutano  rapidamente nel caso di un naso che cola acutamente.  Si possono masticare anche più volte al giorno delle foglie di basilico fresco in maniera che i vapori raggiungano il naso. Come rimedio naturale per il naso che cola si é dimostrato efficace l’olio di basilico. Messe alcune gocce di olio essenziale in un bicchiere d’acqua e usate come lavaggio nasale per irrigazione sono di notevole sollievo. Gli alimenti poi che aiutano a drenare il muco nasale più rapidamente sono inoltre zenzero, cipolle, aglio e peperoncino.

Una dieta sana e varia ricca di vitamine e minerali, in particolare la vitamina C, rafforza il sistema immunitario e previene lo sviluppo di infezioni.

0
sonno-alla-guida

NON DORMIRE BENE PUÓ COSTARE LA VITA

I colpi di sonno alla guida sono causa di più della metà (56%) degli incidenti in autostrada, e del 22% di tutti gli incidenti stradali. Il russamento e le apnee notturne rappresentano uno dei principali motivi della sonnolenza diurna, causa diretta di più di 200 morti e 12mila feriti l’anno solo in Italia.

Il Decreto italiano del 22 dicembre 2015 – che recepisce la Direttiva Europea 2014/85/UE del 1° luglio 2014 – stabilisce, tra le altre cose, i requisiti necessari per il conseguimento e il rinnovo della patente di guida per chi è affetto dalla sindrome delle apnee ostruttive del sonno (OSAS – Obstructive Sleep Apnea Syndrome). Secondo la legge, chi soffre di apnee notturne di grado moderato o grave potrà ottenere o rinnovare la patente solo se sussistono precise condizioni, in quanto le apnee notturne “determinano una grave ed incoercibile sonnolenza diurna”, che aumenta il rischio di incorrere in incidenti stradali.

La patente, peraltro potrà essere rilasciata anche alle persone affette da OSAS moderata o grave, a condizione che dimostrino un adeguato controllo dei sintomi con relativo miglioramento della sonnolenza diurna. In caso contrario la patente non potrà essere rilasciata né rinnovata. Questi provvedimenti si prefiggono come scopo principale quello di garantire una maggiore sicurezza sulle strade, diminuendo le situazioni di rischio causate dall’eccessiva sonnolenza alla guida, tipica di chi soffre di OSAS.

Oggi le terapie per combattere le apnee notturne sono molteplici e permettono ai pazienti di trarne di un beneficio immediato, rendendo più sicura la loro guida e, soprattutto, di gran lunga migliore la qualità della loro vita.

L’OSAS è una malattia da non sottovalutare: chi ne soffre ha, tra l’altro, un rischio maggiore di sviluppare ipertensione arteriosa, infarto o ictus cerebrale, oltre ad obesità e diabete.

Attraverso un esame non invasivo denominato Polisonnografia è possibile diagnosticare varie patologie che mettono a rischio il sonno e di conseguenza la salute, per poter poi trovare la cura più adatta.

La polisonnografia è un esame del tutto non invasivo, non vengono utilizzate sonde né aghi ecc, ed è sempre ben tollerato dal paziente che dovrà sopportare soltanto la presenza di qualche cavo e sensore sul corpo durante la notte. Per mezzo dei nuovi polisonnigrafi portatili è possibile eseguire facilmente l’esame presso la propria abitazione senza dover pernottare in ospedale, permettendo un sonno più naturale nel proprio ambiente domestico. Il polisonnigrafo viene posizionato in ambulatorio la sera dell’esame e registra diversi parametri vitali durante la notte; la mattina successiva il paziente riporta in ambulatorio l’attrezzatura per permettere la refertazione dell’esame.

Il polisonnigrafo registra infatti durante il sonno il flusso d’aria del naso e della bocca, l’intensità’ sonora del russamento il movimento del torace e addome, la posizione del paziente nel letto.

L’esame di questa polsinonografia dinamica viene refertato  e puó essere presentato alla visita di rinnovo patente.

È importante la consapevolezza di non rischiare la propria e altrui incolumitá a causa dei famosi colpi si sonno, che sono la conseguenza della sindrome e che le assicurazioni non risarciscono. Basta un semplice esame per poter essere tranquilli.

0
muco

COSA CI DICE IL MUCO SULLA SALUTE DEL NOSTRO NASO?

Muco, moccio, candela. Chiamatelo come vi pare, resta comunque una cosa che tutti abbiamo sperimentato.

Quindi, anche se può essere disgustoso soffiare il catarro nel fazzoletto, il muco in realtà svolge una funzione estremamente importante nel nostro naso e non solo.

Chi lo descrive molto bene é Jonathan Hern, otorinolaringoiatra presso il Frimley Park Hospital, a Camberley, nel Surrey.

“Il muco è prodotto nel naso e nei seni paranasali e si muove in direzioni predefinite dai seni nasali verso il naso e poi alla gola, quindi viene inghiottito” dice. “Pertanto si forma un tappeto continuo di muco che viene prodotto, mantiene il naso e la gola umidi, favorisce l’umidificazione dell’aria che respiriamo attraverso il naso, per farla giungere nei polmoni satura di acqua”.

Hern dice che il mondo del muco è ancora più affascinante al microscopio: “Osservando al microscopio la struttura di rivestimento del naso e dei seni nasali, si osservano cellule che producono muco: le cellule caliciformi. Sulla loro superficie si trovano ciglia, simili a piccoli peli che battono in modo coordinato. ”

Di tutto ciò non siamo consapevoli, finché non ci capita il primo raffreddore. “Se hai il raffreddore, il muco viene prodotto in eccesso”, dice Hern. “Puoi allora avvertirlo nel naso e nella gola, è proprio lì che si accumula.”

Una secrezione particolarmente abbondante fa parte della naturale risposta del corpo a un raffreddore. “Fa tutto parte di una risposta infiammatoria acuta: questa vede aumentare la circolazione sanguigna nel naso e nei seni e aumenta la produzione di muco allo scopo di creare una barriera protettiva per cercare di liberarsi dell’infezione virale.

I percorsi del drenaggio dei seni paranasali sono decisamente stretti e contorti. Quindi se si accumula all’interno troppo catarro esso tende a rimanere bloccato nei seni paranasali, ecco perché ti senti completamente ovattato quando hai il raffreddore, non stai effettivamente eliminando il muco come dovresti e perciò si sta accumulando nei seni nasali e intasando cavità nasali “.

“Nello stato di salute normale è davvero tanto il muco prodotto: oltre un litro al giorno, quindi una quantità piuttosto significativa”, afferma Hern. Inoltre ne produciamo molto di più quando abbiamo il raffreddore. “Ma non è solo il volume che è importante, è anche la sua consistenza”, afferma Hern. Il muco sano ha determinate caratteristiche. “Per lo più è chiaro, sottile e acquoso e consente alle ciglia di muoversi, durante il raffreddore diventa denso, appiccicoso e viscoso, è spesso troppo per far sì che le ciglia si detergano, quindi si accumula nel naso e nei seni paranasali. Può diventare quindi molto denso, colorato e di odore sgradevole e portare a sintomi importanti”, afferma Hern. Il raffreddore si puó monitorare anche dalle variazioni del colore del muco.  Dice Hern. “quando hai un’infezione virale spesso il muco si ispessisce e spesso è giallo”.

A volte poi diventa verde. “I pazienti spesso pensano a questo punto di aver sviluppato un’infezione batterica, ma non è necessariamente così: può talvolta essere verde anche se si tratta solo di un’infezione virale.

“Questo è una interpretazione piuttosto comune tra i pazienti e spesso anche tra i medici, che sovente prescrivono antibiotici se il paziente presenta un muco viscoso molto verde”. Gli antibiotici vanno usati per trattare le infezioni batteriche, non quelle virali come il raffreddore o l’influenza. Gli specialisti otorinolaringoiatri fanno uso di uno strumento chiamato endoscopio per esaminare il naso e i seni paranasali. “Con la sinusite batterica, il più delle volte, il secreto è bianco.” Il muco da raffreddore è di solito solo un disturbo lieve e di breve durata. Tuttavia, il Dr. Hern sostiene che alcuni pazienti presentano catarro cronico, gocciolamento nasale, muco nel naso e nella gola “che prosegue, giorno dopo giorno, senza tregua”.

Per problemi come questi, i consigli della nonna sono ancora molto efficaci: “Cerchiamo di far detergere il naso con acqua salata ai pazienti in modo che riducano la densità (viscosità) del muco.”

Questo aiuta a far tornare il flusso del muco alla normalità. “L’irrigazione nasale salina ha sempre un effetto molto benefico”.

Si raccomandano inoltre suffumigi (fumenti) o fumigazioni caldo umide, recipienti di acqua bollita con aggiunta di soluzione salina, o vasi Neti. “è un trattamento vecchia scuola che ha avuto di recente un certo risveglio.”

Per i pazienti con problemi sinusali da molto tempo: “I decongestionanti, in generale, non sono utili.” Non vanno infatti utilizzati oltre i 5-7 giorni, pena l’insorgenza di una rinite medicamentosa.

Spray steroidei nasali sono piú maneggevoli e costituiscono una eccellente opzione in molti casi. Quindi, a dispetto del fatto che “fa schifo”, il muco svolge un ruolo di enorme importanza.  “Probabilmente”, ci dice Hern. “La gente non si rende conto che ha una funzione protettiva nel mantenere il naso e la gola belli e umidi, molti di noi non si accorgono nemmeno che questo processo di trasporto del muco sta avvenendo”.

Ci sono peraltro anche alcune condizioni in cui i paziente non producono il muco nasale: nella  rinite chiamata atrofica. “Questi pazienti hanno un sacco di problemi: il loro naso diventa estremamente secco e crostoso”.

In conclusione: “Nessuno apprezza  i benefici del muco nasale e sinusale, ma quando si sviluppa una patologia, ci si accorge della sua presenza, per questo ha assunto una nomea negativa.”

0