www.rolandofustos.it | Compliance
aderenza, fiducia, trattamento, terapia,
899
single,single-post,postid-899,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.2.3,paspartu_enabled,menu-animation-underline,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Compliance o aderenza?

Elderly man sorting daily medication into a pill box.

Compliance o aderenza?

Cosa intendiamo in medicina col termine inglese di compliance? In italiano potremmo tradurla con aderenza, cioè la misura in cui i pazienti aderiscono al trattamento proposto.

«Su 100 pazienti ipertesi in Italia, sono solo 58 ad essere aderenti al trattamento. Per quel che riguarda altro genere di patologie, su 100 pazienti sono 45 a seguire le cure indicate dagli specialisti» ad affermarlo é Luca Degli Esposti, economista e Presidente di Clicon Srl (azienda specializzata in analisi economiche in campo clinico).

Tra i più attenti alle prescrizioni ci sono soprattutto gli appartenenti alle classi più ricche, ma anche i disoccupati. La aderenza minore si rileva nelle zone rurali e dove gli spostamenti sono più difficili.

«Un’elevata aderenza ai farmaci, oltre a consentire il successo delle terapie farmacologiche, permette al sistema sanitario di risparmiare costi e sanare bilanci. Con terapie assunte costantemente e in maniera opportuna, si evitano complicanze e ospedalizzazioni. In questo senso in Italia c’è un ampio margine di miglioramento».

«In questi termini, esistono varie stime a livello europeo – aggiunge il Presidente – fatte con una variabilità nei risultati che indicano tutte, allo stesso modo, quanto l’aderenza alle terapie sia decisiva nell’ambito di una sostenibilità di sistema».

In altri termini ascoltare il propio medico ci conviene: ci curiamo in modo migliore e più economico per noi e per il sistema sanitario. La conclusione di Degli Esposti é: «I dati ci possono aiutare perché se da un lato suggeriscono che l’aderenza è bassa, dall’altro mostrano che, viceversa di alcuni farmaci si fa un abuso inappropriato. Quindi sì all’aderenza e no all’eccesso – conclude -. Una buona aderenza vuol dire anche togliere farmaci che non vuol dire ‘togliere salute’ ma, anzi, tutelarla».

Ricordiamo che un atteggiamento positivo nei confronti della malattia e la fiducia nel curante e nel trattamento proposto sono i cardini su cui poggia la compliance e la guarigione del paziente.