www.rolandofustos.it | noduli cordali
noduli, canto, riposo vocale, impostazione voce, logopedia, fonochirurgia, riabilitazione, esercizi vocali, gonfiore, parlare, cantare, raschiare, tossire
798
single,single-post,postid-798,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.2.3,paspartu_enabled,menu-animation-underline,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

I noduli dei cantanti

18098415-Cantante-Donna-con-Microfono-Retro-Vintage-Style-Archivio-Fotografico

I noduli dei cantanti

Quando si sviluppano i noduli sulle corde vocali,  va ricercato qualcosa di sbagliato nelle tecnica del canto. La raucedine è il primo indice che un cantante sta adottando una tecnica inappropriata. Va inizialmente  consigliato un periodo di completo riposo vocale, cioè sospensione del canto, della comunicazione parlata  e del sussurro per 4-7 (a volte 10) giorni, dopo il quale spesso i noduli scompaiono spontaneamente. Di solito questo è il metodo più veloce per risolvere questo problema. Ci si deve anche affidare ad un logopedista esperto di canto che consiglierà esercizi in grado di ridurre l’effetto dei noduli sulla voce o in grado di farli scomparire. Questo è di solito un processo più lungo. Il fonochirurgo se i noduli non regrediscono propone un’operazione per la loro asportazione  in anestesia generale. Circa dieci giorni dopo l’intervento, le corde vocali sono guarite. Il cantante non deve parlare o cantare per tutto questo periodo.

Qualunque sia il metodo utilizzato, è importante che il cantante apprenda la tecnica corretta in modo da evitare di danneggiare la voce in futuro. Per questo si propone in quasi tutti i casi la tecnica a “sandwich”: logopedia, chirurgia, logopedia.

È meglio prevenire danni prima che la voce venga abusata e diventi rauca. Se la voce è tesa, le corde vocali hanno bisogno di riposo!

Proprio come per le vesciche causate dalle calzature nuove, la laringe ha bisogno di riposo perché il gonfiore scompaia. Più si prolunga l’irritazione, più persistenti saranno i danni sul margine cordale. Per sbarazzarsi di una bolla sul tallone va dato al piede un adeguato periodo di riposo senza indossare le scarpe strette che hanno causato il problema. Allo stesso modo vanno trattate le corde vocali. Non parlare, lasciare riposare la voce e trascorrere qualche giorno senza voce senza dire una sola parola – scrivere note al mondo-.

Per lo più si raccomanda un periodo di riposo totale per alcuni giorni, a seconda delle caratteristiche dei noduli. Per riposo totale si intende NON PRODURRE UN SINGOLO SUONO! Non bisogna sussurrare perché potrebbe affaticare la voce anche di più che parlare normalmente. Assolutamente non raschiare la gola.  Molti scoprono che è in realtà non parlare può rivelarsi un’esperienza preziosa. Permette infatti di scoprire un lato completamente nuovo di sé.