www.rolandofustos.it | NOISERADAR
noiseradar, cotrollo rumore, inquinamento acustico
1418
single,single-post,postid-1418,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.2.3,paspartu_enabled,menu-animation-underline,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

NOISERADAR

201521412-1096b982-00b1-495c-b217-2915baab85b0

NOISERADAR

Tempi duri per chi trucca lo scarico dell’auto o della moto. Motori elaborati e marmitte non a norma possono oggi venire rilevate anche nel traffico piú caotico. In Francia è stato messo a punto un sistema in grado di misurare il rumore prodotto dai veicoli nelle strade di Parigi e multare coloro che sforano i limiti. Si tratta di veri e propri autovelox del rumore, che, installati nei punti nevralgici del traffico possono misurare istantaneamente il livello di inquinamento di ciascun veicolo che passi nelle loro vicinanze. Se tale livello supera la soglia consentita, rilevano la targa e inviano i dati alla centrale piú vicina per la contravvenzione. A Villeneuve-le-roi, dove si sono svolte le prime sperimentazioni nel traffico, Didier Gonzales – sindaco della cittadina – sostiene, “Il rumore è la rovina della vita moderna e un grave problema di salute. Fa male alle persone proprio come fa il fumo passivo”.
Tecnicamente, individuare nel caos di una piazza cittadina il rumore di una singola marmitta é reso possibile da un algoritmo che raccoglie i dati da quattro microfoni che sono in grado di “triangolare il rumore” e individuarne con certezza la provenienza rilevando l’intensità dieci volte al secondo. Un computer elabora i dati che si ottengono descrivendo una scia di puntini luminosi che corrisponde al percorso della sorgente rumorosa. A questo punto é un gioco da ragazzi applicare lo stesso sistema dell’autovelox e scattare una fotografia per identificare il mezzo troppo rumoroso.
“Con questo strumento non é possibile contestare la multa”, conclude il sindaco Gonzales.
A Parigi sono stati installati 40 di questi radar antirumore a titolo sperimentale e 17 sono stati fissati sui pali della luce in zone dove si radunano i motociclisti, che sono spesso considerati i piú fracassoni. Gli amanti dello “scarico libero” o dei motori rumorosi potrebbero quindi tra poco ritrovarsi nei guai. Girano infatti indiscrezioni che preannunciano che prossimamente questi radar antirumore verranno installati anche sulle nostre strade.