www.rolandofustos.it | Niente sesso, ho il naso chiuso!
1363
single,single-post,postid-1363,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.2.3,paspartu_enabled,menu-animation-underline,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Niente sesso, ho il naso chiuso!

disfunzione-erettile-impotenza-1030x651

Niente sesso, ho il naso chiuso!

Una recente ricerca medica mette in preoccupazione i produttori di Viagra, perché le vendite potrebbero calare sensibilmente: un’operazione al naso è in grado, infatti, di risolvere molti problemi di disfunzione erettile.
“Ho mal di testa.” “Sono troppo stanco.” Ormai ricorre anche nelle barzellette il leitmotiv per sfuggire all’intimità con il partner.
Da recenti studi condotti alla Cleveland Clinic, Un team di ricercatori otorinolaringoiatri ha scoperto che la rinite allergica e la rinosinusite cronica influenzano negativamente il desiderio sessuale e la capacità erettile nell’uomo. Considerando che fino al 40% della popolazione nei paesi piú evoluti soffre di rinite allergica e che da 30 a 40 milioni di persone negli USA presentano una sinusite cronica, si puó avere un’idea di quante persone possano presentare diminuzione dell’attività sessuale soprattutto nei periodi in cui l’allergia é piú presente come in primavera.
La rinite allergica si manifesta come una infiammazione cronica, causa gonfiore e prurito all’interno del naso, tipicamente provocati dal contatto con allergeni della polvere, polline o peli. La conseguenza: naso chiuso che cola, respirazione difficoltosa e starnuti a raffica. Nella rinosinusite cronica, l’infiammazione coinvolge anche i seni paranasali, causando produzione di muco e catarro, congestione e pressione facciale anche per diversi mesi. Secondo Michael Benninger, presidente del Head & Neck Institute della Cleveland Clinic e autore principale di numerosi studi, ci sono molteplici ragioni per cui queste condizioni influenzano il desiderio sessuale.
“Le persone non si sentono bene, sono spesso affaticate cronicamente e non dormono bene. Inoltre, non si sentono sexy. Anche un semplice atto come il bacio non è percepito come piacevole con un naso chiuso o gocciolante”, dice questo autore.
E prosegue: “Il senso dell’olfatto ha un ruolo importantissimo, talvolta inconscio nel sesso. I feromoni svolgono un ruolo determinante. Altri profumi, come il sudore, possono scatenare il desiderio. Ma se non riesci a respirare, non riesci a sentire l’odore, perché l’aria non può entrare nel naso e trasportare quelle particelle che permettono di percepire questo odore familiare e eccitante”, spiega il dott. Benninger.
La buona notizia, che conferma tali ricerche, è che il miglioramento dei sintomi della rinite allergica e della rinosinusite cronica ravviva nettamente l’attività sessuale. Le malattie allergiche del naso possono essere trattate con una grande varietà di farmaci, tra cui soprattutto spray steroidei per via nasale, altri farmaci per bocca attivi su allergie e asma, irrigazione nasali, antibiotici, ma anche cortisone o vaccini specifici.
La rinite allergica viene raramente trattata chirurgicamente, come invece avviene per la sinusite cronica, che richiede sovente il ricorso alla sala operatoria. L’intervento è in genere minimamente invasivo, eseguito per mezzo di un endoscopio in modo che non si rendono necessarie incisioni esterne. Gli uomini che si sono sottoposti ad un intervento per eliminare i polipi hanno riferito di aver avuto benefici inaspettati in chiave sessuale.
Un altro studio del Dr. Benninger ha mostrato miglioramenti evidenti nella vita sessuale nei pazienti anche dopo l’intervento chirurgico di settoplastca. “Prima dell’intervento chirurgico, il 33 % dei pazienti ha affermato che la cattiva respirazione nasale ha ridotto il loro desiderio parzialmente, e il 9 percento completamente. Dopo l’intervento chirurgico, queste percentuali sono scese rispettivamente al 19 % e all’1 % “, afferma il Dr. Benninger.
Un altro significativo studio, condotto da scienziati della Kaohsiung University di Taiwan, ha coinvolto un alto numero di uomini. Confrontando 14.000 uomini con sinusite con 14.000 volontari sani, la ricerca ha rivelato che coloro che avevano problemi nasali presentavano un rischio aumentato del 51% di sviluppare anche una disfunzione erettile. I ricercatori hanno concluso: “I nostri risultati indicano una più frequente associazione tra sinusite cronica e disfunzione erettile negli uomini di età superiore ai 35 anni rispetto ad altri gruppi di età, in particolare in quelli di età compresa tra 35 e 50 anni.
“I medici dovrebbero essere più consapevoli del rischio di problemi erettili nei pazienti con sinusite cronica”.
La chirurgia nasale potrebbe pertanto essere la risposta per coloro che cercano di risolvere le loro difficoltà
di erezione?
Va ricordato che la maggior parte dei casi di sinusite si risolve comunque dopo solo un paio di settimane. Tuttavia, in migliaia di pazienti la malattia puó trasformarsi in un’infiammazione prolungata, quindi cronica.
Se questo è il caso – e sono state esplorate tutte le altre opzioni di trattamento – i medici spesso raccomandano un intervento chirurgico al setto e ai seni paranasali per asportare i polipi che ostruiscono il naso.
È ormai accertato che queste operazioni sono in grado di ripristinare la funzione erettile e aumentare il desiderio sessuale.